2018_PEIO_Covel - Val di Sole Antica

Associazione VAL DI SOLE ANTICA
Val di Sole Antica
Vai ai contenuti
Peio - coppelle in loc. Zampil e Covel
di Luca Webber

Oggi andiamo alla scoperta di coppelle in val di Peio in compagnia di Riccardo Casanova che ci ha segnalato dei massi. Partiamo dalla sua Azienda Agricola Casanova a Peio Paese,  a bordo di un Pick-up per raggiungere la Loc. Zampil  sulla strada bassa. Strada che si è rivelata subito assai impervia a causa dell'abbondante pioggia dei giorni scorsi, troviamo parecchio pantano sulla strada sterrata. Ma grazie all'abilità di Riccardo, nulla ci ha fermato e siamo giunti al nostro obiettivo.
  
Adiacente al "maso dei Mini" troviamo su una grande pietra di scisto adagiata sul terreno, circa 85x205 cm e con un spessore di 22 cm circa, 8 (otto) coppelle ben incise, di diametro e profondità diverse, realizzate con attrezzo metallico, tutte sul lato a valle. Considerata la posizione del masso, collocato sul terreno in modo innaturale, credo si possa dire si tratti di seconda giacitura. Forse è stato spostato o addirittura spezzato durante lavori di sistemazione del luogo. Nelle immediate vicinanze notiamo una roccia affiorante dal terreno che riporta tracce di probabili incisioni, forse 2 (due) coppelle con canalette. Non possiamo garantire però che lo siano, essendo vistosamente intaccata da stacchi termoclastici. Interessante il fatto che la pietra coppellata sia posta lungo l’antica via che conduce a Saroden. Lì troviamo il Sass de le Strie con incise ben 123 coppelle e che nella leggenda vuole essere dimora di una strega e luogo di incontro di sabba, nonché del mercato di bestiame della gente che saliva da Peio e di quelli che giungevano dalla Valtellina valicando il ghiacciaio dei Forni.
Terminati gli accertamenti di rito, ci incamminiamo verso il maso di Riccardo in loc. Zampil dove ci indica un masso da lui trovato nei lavori di restauro. Il masso è di piccole dimensioni con un foro laterale profondo, sicuramente praticato con il metallo. Può darsi usato per inserirvi l'estremità di un'incudine battiferro o attrezzo analogo per “battere”.
Ora ci rechiamo in loc. Covel, dove Riccardo ha scoperto quest'estate, mentre falciava il pascolo, un masso di forma quasi a rombo/quadrata, 36x41 cm. ed affiorante dal terreno circa 30 cm, con al suo centro una grande coppella, diametro 7 cm e profonda 12 cm. L'Incisione lascia supporre che sia stata praticata con strumento in pietra e successivamente con il metallo. Perché abbiano praticato una coppella nel bel mezzo di un prato per il momento rimane un mistero, affascinante però è trovarsi in quel luogo. Circondati da rocce, acqua, alberi e cime maestose si intuisce la sacralità che poteva rivestire quel luogo per i primi abitanti.

Ringraziato Riccardo per averci accompagnato, torniamo a casa soddisfatti in attesa di nuove scoperte.

P.S. : Passeggiando da Velturno lungo il sentiero del castagno (Keschtnweg), al maso "Moar zu Viersch", abbiamo trovato un bel esempio di sasso con incudine per “battere”.
Created da Luca with WebSite X5
Vuoi unirti a noi?
Val di Sole Antica
Vuoi unirti a noi?
Torna ai contenuti